Latest entries
Il 30 novembre organizzato dal "Comitato 16 novembre", associazione nazionale per la SLA e le patologie altamente invalidanti, si è effettuato un presidio sotto il MEF, per chiedere rispetto, dignità, diritto.
La Dott.ssa Mariangela Lamanna, VPresidente Comitato 16 Novembre, ha precisato:"Siamo qui per dare voce agli ammalati di SLA, per  chiedere l’incremento del Fondo per la Non Autosufficienza di 200 milioni di euro per l’anno 2017,... per condurre una vita dignitosa e per uniformare il trattamento indipendentemente dalla Regione di appartenenza...".

Un volantino distribuito durante il presidio riportava: " Dopo aver duramente lottato per istituire un Tavolo per la Non Autosufficienza, dopo aver lavorato duramente per partorire un Piano per la Non Autosufficienza pur avendo ricostituito il Fondo, diciamo che la cifra attuale, pari a 450 milioni di euro, conquistata in 6 anni di dure battaglie del Comitato 16 Novembre, non è sufficiente per prendersi carico di tutte le patologie altamente invalidanti. Chiediamo al Governo di ottemperare all'impegno assunto con le disabilità italiane: un aumento di 200 milioni nella legge di stabilità per l'anno 2017, così come promesso.
Meno docce gelate e più assistenza al domicilio delle persone affette da patologie altamente invalidanti...".


Le proposte dei familiari dei malati di SLA e di coloro che soffrono di altre malattie così terribili, meritano un’attenzione speciale perché la società, se è progredita, non può lasciarli soli. Diamoci da fare.





















I recenti e inquietanti fatti di cronaca che hanno riguardato il Comune di Terni preoccupano la nostra Associazione per i risvolti ancora da chiarire ma che, comunque, suscitano allarme fra la cittadinanza e le forze politiche locali. Ci  associamo alla richiesta avanzata da più parti, ed in primo luogo dal Sindaco Dott. Leopoldo di Girolamo, alla Magistratura, perché proceda con determinazione e tempestività all’accertamento della verità. alla definizione di eventuali responsabilità, anche a tutela di quanti risulteranno estranei alle vicende oggetto d’indagine.

La fiducia nella Magistratura e nelle Forze dell’ordine, che intendiamo ribadire  nella circostanza, non ci esime dall’esprimere perplessità circa l’eccessiva spettacolarizzazione dell’evento che poteva essere gestito in forma più riservata e contenuta, senza eccessivi e inutili clamori. Ciò soprattutto per evitare che qualcuno si senta autorizzato ad usare l’accaduto per animare e drammatizzare uno scontro politico dannoso per la città e la sua popolazione.

Abbiamo apprezzato le dichiarazioni del Sindaco nella riunione del Consiglio Comunale, pronunciate con tono giusto per serietà e chiarezza, per l’informazione ampia, dettagliata e documentata su tutti i fatti oggetto dell’intervento delle Forze dell’ordine e della Magistratura. Dichiariamo la nostra contrarietà nei confronti delle frettolose e ingiustificate iniziative finalizzate a chiedere le dimissioni del Sindaco e degli Assessori.

Una posizione, la nostra, che mira ad evitare la paralisi amministrativa e a bloccare l’operatività dell’attuale Giunta con il conseguente e inopportuno  scioglimento dell’attuale consiliatura, creando ad arte le condizioni politiche che sottraggano al Centro-Sinistra il governo della città.

Terni e la sua popolazione hanno bisogno di stabilità e dell’impegno corale di tutti i soggetti interessati alla gestione della cosa pubblica per affrontare con serenità i problemi economici che si presentano.

A parere dell’Associazione Politico-Culturale “E. Berlinguer”  gli aspetti essenziali di questa politica sono:
           l’opera della Magistratura per una conclusione rapida delle indagini tale da non offrire pretesti per coloro che non trascurano nulla per favorire lo sfascio e la paralisi amministrativa;

           lo sviluppo di un confronto politico che nel totale rispetto del ruolo e delle autonomie di tutti sia finalizzato al bene della città e della sua popolazione;

           unità totale e sostanziale della Maggioranza nel sostenere il Sindaco e la Giunta, in particolare nell’elaborazione e nell’attuazione dei progetti necessari  per risolvere i problemi di Bilancio e rendere possibile la soluzione delle  urgenze cittadine;

           impegno del Sindaco e della Giunta a favorire quel necessario “cambio di passo” per rendere più efficace il governo della città  e per ricostruire un modello amministrativo che favorisca la partecipazione e la condivisione di tali scelte da parte dell’intera cittadinanza ternana.

L’Associazione Politico-Culturale “E. Berlinguer”, convinta che questa sia la strada maestra da percorrere per rilanciare il governo di Centro-Sinistra, continuerà ad impegnare, a tal fine, tutte le sue energie.

      Il Segretario                                                              Il Presidente

      Ing. Giocondo Talamonti                                       On. Mario Andrea Bartolini




DISCARICA ABUSIVA...

Scaricatori abusivi di rifiuti nel prato che confina con i terreni del parco di viale Trento, location ideale di tutti i maleducati che, piuttosto che raggiungere una qualsiasi delle piattaforme ecologiche della zona svuotano cantine e solai direttamente nelle aree verdi vicino a quelle  attraversate ogni giorno da centinaia di sportivi. In questa discarica abusiva ignoti scaricano rifiuti di ogni genere senza che nessuno intervenga. (Vigili Urbani, Guardie ambientali...)










Fabio Mussi il 25 ottobre a Terni per invitare a votare No al Referendum costituzionale.

L'incontro è stato organizzato da Sinistra Italiana per ragionare sulle implicazioni della riforma costituzionale, sulla quale saremo tenuti ad esprimerci con il prossimo referendum del 4 dicembre.
La modifica costituzionale si può fare per introdurre quei necessari cambiamenti atti a semplificare, rafforzandole, le istituzioni, ma non in questo modo.

La  modifica della seconda parte della Costituzione (articoli 55-139) implicherebbe delle conseguenze sulla tenuta della prima parte (articoli 1-54). Ebbene, a parte il fatto che la riforma Boschi, eliminando l’elettività diretta del Senato, viola addirittura uno dei principi supremi della Costituzione posto nell’articolo1, ritenuto immodificabile dalla Corte costituzionale. A parte ciò, c’è modifica e modifica della seconda parte della Costituzione.

La modifica che si vuole introdurre, senza migliorare la governabilità né il processo democratico, comporta un rischio evidente di concentrazione dei poteri e delle decisioni.










La maleducazione non ha limiti...

Siamo alle solite ... la maleducazione delle persone non ha limiti con lo scarico di rifiuti sul verde  adiacente il parco di viale Trento, trasformando l'area verde in un centro di raccolta (indifferenziata) se non si interviene tempestivamente..  per ripulire l'area dai rifiuti indifferenziati e addebitare i costi ai responsabili. I controlli e le contravvenzioni sono fondamentali, ma nello stesso tempo occorre puntare sulla prevenzione coinvolgendo le scuole e prendere in considerazione, l'ipotesi di telecamere. 




La sicurezza allo stadio

Finita la partita, è la calca ad imporre difficoltà nell’uscita, la pressione delle molte persone che si affrettano ad evacuare lo stadio diventa possibile fonte di incidenti, anche perché non tutti i cancelli esistenti per lo sgombero vengono aperti. Chi ne vieta l’apertura?





Il rispetto per gli altri è in via di estinzione

basta muoversi nelle realtà quotidiane per verificare quanto sia raro assistere a comportamenti di correttezza sociale, fino a  qualche decennio fa rientrante nella normalità più assoluta.


Nella famiglia, nella scuola, negli ambienti di lavoro, conformarsi alle regole del rispetto è tema in via d'estinzione. Gli insegnanti devono con crescente frequenza misurarsi su binari di discutibile percorrenza la maleducazione dei ragazzi affidati loro, senza poter far conto sulla collaborazione delle famiglie. Il permissivismo eccessivo...l'abitudine ad ottenere tutto e subito...lo spettacolo al quale assistiamo con preoccupante frequenza è desolante... possiamo metterci riparo?  Ahimè, le speranze sono poche...